• pierino-zi-frate
  • 01
/ 01

Opere

Si descrivono due luoghi particolari di aggregazione del paese: la sala del barbiere, nella quale si riunivano gli uomini, il forno dove invece si recavano le donne. In questa commedia vengono descritti personaggi singolari e taluni aspetti di vita quotidiana.
Si racconta delle trattative pre-matrimoniali tra le famiglie degli sposi e concernenti la dote patrimoniale da dare agli stessi. Purtroppo per la presenza d’interessi, non si giungeva quasi mai ad un accordo, anzi le trattative finivano in liti furibonde e rotture del fidanzamento.
Questo lavoro merita una chiosa perché riporta alla memoria, attraverso le vicende di una famiglia, tre eventi funesti (il terremoto del 1915; la peste “spagnola” e la Prima guerra mondiale) che hanno provato oltremodo la popolazione marsicana per il breve lasso di tempo nel quale si sono avvicendate.
Primo atto:“I zappatur”, racconta delle attività rurali nel primo ventennio del secolo scorso e dell’usanza, tipicamente contadina, di scambio di mano d’opera tra coltivatori. Secondo atto: “La litigata”, viene sottolineato simpaticamente il malvezzo, della gente di paese, pronta a discutere per un nonnulla; Terzo ed ultimo atto:“La frasca”, rinnova negli…
Pagina 3 di 3
Press enter to search
Press enter to search